Il prossimo fine settimana Cosenza ospiterà il meeting nazionale dello sport popolare. La manifestazione, organizzata dalla Boxe Popolare, dalla Brutium Cosenza, dalla Polisportiva Mediterranea in collaborazione con il CPOA Rialzo metterà a confronto tantissime realtà che si prefiggono di garantire l’accesso alla pratica sportiva a tutti, lontani da ogni forma di discriminazione economica, sociale e razziale. Da venerdì 21 a domenica 23 ottobre Cosenza sarà teatro dell’incontro tra le varie associazioni e gruppi sportivi provenienti da tutta Italia e che promuovono dal basso le loro attività. Realtà nate negli spazi autogestiti, nelle curve del tifo organizzato, nei quartieri delle metropoli e nelle periferie delle città.
Il meeting prenderà il via venerdì 21 alle ore 17:30 presso il Centro Sociale Rialzo di viale Giacomo Mancini con un’assemblea cittadina aperta a tutte le organizzazioni sportive ed alle istituzioni locali ed incentrata sul tema della gestione degli spazi pubblici da destinare alle attività sportive ed al futuro dello sport popolare in città.
Sabato 22 a partire dalle 11:30 presso la Palestra Popolare dello stadio San Vito-Marulla si svolgerà l’assemblea nazionale, in cui alcune decine di organizzazioni sportive si incontreranno per confrontarsi sulle proprie esperienze e costruire un percorso comune sia sportivo che sociale. Nel pomeriggio sempre la palestra della Boxe Popolare ospiterà lo stage di kickboxing a cura del maestro Innocenzo Scacchi, che sarà accompagnato dalle campionesse del mondo Giorgia Caputo e Carol Scacchi, dal campione europeo Manuel Petralia e dalla medaglia di bronzo mondiale Francesca Oliverio. Sempre nel pomeriggio di sabato, le realtà calcistiche popolari organizzeranno un torneo di calcetto presso il centro sportivo Real Cosenza. La giornata terminerà presso il CPOA Rialzo dove ci sarà il concerto degli Stop&Sound, seguito dal dj set della Mujina Crew.
Domenica 23 alle ore 10,00, presso la Palestra Popolare, sarà presentato da Silvana Pazzagli, il libro “Un calcio alle sbarre”, il caso giudiziario di Alessio Abram. Militante sociale e presidente della Polsisportiva antirazzista Assata Shakur, finito in carcere il 13 novembre dello scorso anno per una vicenda giudiziaria kafkiana. A seguire due seminari. Il primo tenuto dal dott. Mario Verta ed incentrato sull’alimentazione per le competizioni sportive, prima e dopo la gara. Il secondo seminario vedrà impegnata la biologa nutrizionista, dottoressa Rosaria Isabella, che parlerà della composizione corporea dell’atleta.