In un movimento sottoculturale di così lunga data, oltre ai tanti momenti belli, si contano spesso anche momenti tristi, non solo di carattere sportivo. L’ultimo a Cosenza, la cui tifoseria ha perso un grande appassionato ed amico. Ampia partecipazione per salutare Daniele per l’ultima volta, in chiesa e poi allo stadio, la sua seconda casa, fra striscioni e fumogeni. Al cordoglio della famiglia, si sono uniti i tanti fratelli di Curva e anche le società del Cosenza e del Rende. Cordoglio a cui umilmente ci uniamo anche noi: buona trasferta Daniele, ti sia lieve la terra.