Grazie alle telecamere dello stadio e ad alcune testimonianze un 26enne è stato identificato e ha ammesso le proprie responsabilità

Lunedì sera poco prima della partita di serie B fra Empoli e Pescara al ‘Castellani’ aveva malmenato un giovane per il semplice fatto che indossasse una maglia bianca col giglio viola della Fiorentina.

 

A distanza di tre giorni la polizia del commissariato di Empoli ha identificato e denunciato il responsabile di quell’aggressione. Si tratta di un 26enne empolese accusato di lesioni personali. Il ragazzo ha già ammesso le sue responsabilità e si è scusato dell’accaduto. Per lui è in arrivo anche un Daspo dalla questura di Firenze, il divieto di accedere alle manifestazione sportive, ancora da capire la durata del provvedimento.

 

La polizia durante le indagini ha ricostruito anche l’episodio, sia grazie all’impianto di videosorveglianza installato nei dintorni dello stadio, sia grazie alle testimonianze.

Dopo un primo diverbio, limitatosi alle parole e a qualche offesa, accaduto quando i due, il tifoso empolese e il ragazzo con la polo col giglio viola, peraltro suo coetaneo e residente nella zona, si sono incrociati nei pressi di un bancomat a due passi dal ‘Castellani’, c’è stato un secondo contatto.

Infatti il giovane, presumibilmente tifoso della Fiorentina, che si è lamentato della prima aggressione verbale anche con due agenti della polizia municipale presenti per il servizio di viabilità, è ripassato nuovamente a pochi metri dal punto di ritrovo dei tifosi. La tensione col 26enne ultrà, secondo quanto emerso, è tornata a livelli critici tanto che quest’ultimo ha sferrato un pugno al volto del sostenitore viola che se quindi n’è andato.

Il cazzotto gli ha procurato un taglio al labbro e la scheggiatura di un dente.

In seguito alla sua successiva querela la polizia ha attivato le indagini rintracciando il responsabile della vicenda che, come detto, si è reso conto della sciocchezza compiuta.

[Fonte: Gonews.it]