scampiaRiceviamo e pubblichiamo la lettera di un tifoso romanista che ha scelto di comunicare il suo stato d’animo utilizzando la forma dialettale. Quasi a rimarcare quanto, seppur spesso diversi e lontani per culture e tradizioni, i ragazzi delle curve siano tutti uniti dallo stesso filo conduttore e dallo stesso sentimento.

Ciao Cì,

te scrivo ‘sta lettera ner dialetto mio. Lo stesso ch’adesso, forse da lissù, starai a maledì p’esse una dell’urtime cose ch’hai sentito quanno ch’ancora stavi qua. Che poi er mio nun è proprio ‘n dialetto, quello se lo so portato via l’avi, er mio è più quello che oggi chiameno slenghe. Romanaccio direbbero i veri curtori della parlata romana. Lo so’ che da voi è diverzo, da voi er dialetto ‘o parlate davero e guai a chi vo’ tocca.

Te ne sei ito in un letto d’ospedale, come mai nessuno dovrebbe. Te ne sei ito perché ‘sta città, ‘sta società e ‘sta ggente so’ cambiate, peggiorate e ‘mbastardite ‘n poco tempo. Io ricordo ‘na Roma diversa, fatta de perzone ruvide e tignose, quello sì, ma de core e comprenzive. Pronte sempre a tennete la mano nelle difficortà. Me ricordo ‘na Roma fatta de passioni, de violenza perché no, ma sempre co’ criterio. Sempre co’ la testa utilizzata e messa davanti all’istinto. Ah Cì, quanno ch’ero pischelletto me diceveno che portasse ‘n curva ‘n cortello nun stava bbene, figurete se quarche d’uno avesse penzato a ‘na pistola pe’ combatte quer nemico ideale, quello diviso dar campanile e dar pallone, ma che l’artri sette ggiorni dà settimana c’aveva li stessi probblemi tua, combatteva le tue stesse battaje e spesso era perzino n’amico tuo. Perché ‘a curva ha sempre unito. Pure quanno divideva. Pure quanno ce staveno de mezzo centinaja de chilometri, dialetti diverzi e modi totarmente differenti de ‘ntenne ‘a vita.

Aò stadio ce semo sempre annati, i cori contro ce li semo sempre fatti. Ma co’ rispetto, co’ sentimento, co’ què regole nostre ch’ereno sacre e intoccabili fino a ieri e che sembreno ‘na cojonella davanti a tutta quà ggente che t’è venuta a trovà da ogni parte d’Italia e d’Europa oggi. Perché nun ce deve solo ‘mportà chi è er corpevole, chi è la vittima e chi è l’imputato. Ce deve ‘mportà de avè perzo pe’ l’ennesima vortà de fronte a chi ce vede come bbestie. Come parassiti da eliminà ar più presto e da utilizzà pe’ riempi’ le paggine de’ giornale e li teleggiornali dà prima serata.

Io nun lo so che pò esse successo quer pommeriggio a Tor de Quinto. Nun lo so chi c’ha ragione e chi c’ha torto. So ch’er male che se semo fatti come omini, come tifosi e come romani e napoletani, è tanto. Troppo pure pe’ du’ città abbituate a combatte co’ tanta merda e tanto malessere tutti li santi giorni. Guardo tu madre oggi e ripenzo à sora Esperia, e a Antonio. Pure lui se n’è ito come mai se dovrebbe. Strappato dalla ggente sua, dalla famija e dalla Roma cor sorriso sulle labbra, co’ quella maja giallorossa addosso e quella sciarpa piena de’ sogni. Er sogno de sbancà Milano. Er sogno de vive. Er sogno. Tutt’e ddue sete partiti pe’ ‘n viaggio d’amore, senza mai tornà.

Cì, adesso da lissù guardece e cerca de perdonacce se poi. Giallorossi o azzuri che semo. Perdona chi te pija ‘n giro, perdona chi penza che pareggianno li conti se risorveranno ‘e cose. Qua parleno tutti de codice nun scritto, ce se riempeno ‘e bocche, ma poi strigni strigni ormai ognuno segue er suo de codice. Quello dell’egoismo e der protagonismo.

Adesso vai, ‘nzieme a quell’altri che co’ le sciarpe, co’ li bandieroni, co’ le torce, li tamburi e li megafoni te stann’aspettà pe’ fa ‘n corteo e tifa’ alla faccia de tutte le nostre piccolezze d’essere umani. Stasera me so’ accorto ch’er male maggiore pe’ noi, semo noi stessi. E da ‘sto male nun ze guarisce. E’ un canchero. Pieno de metastasi. Potemo fa’ tutte ‘e terapie che volemo, ma ormai ce l’avemo. E solo un miracolo ce lo pò guarì. Ma te ce credi nei miracoli Cì? Io no. Perché ortre a nun crede ‘n Dio, nun credo manco nell’esseri umani.

Te saluto adesso, s’è fatto tardi. Vattene a’ letto, come te diceva mamma quanno che la matina dopo dovevi d’anna’ a scola. Magari mo’ che t’addormi, te rivedrai davanti er mare, er gorfo, er Vesuvio, risentenno l’odori della città tua e della ggente tua. E forse te ‘mmaginerai puro che Roma nun po’ esse ‘n letto d’ospedale, ‘n projettile de’ pistola e ‘a fine de ‘n viaggio troppo breve. Ma la città dei Fori, dei Papi, der Colosseo e de tanta ggente che nun è cattiva. E come in ogni parte der paese oggi te piagne co’ pietà, regalannote un po’ de Ponentino nostro. Quer vento dorce e fresco che d’estate c’allieta le serate. Perché semo umani pure noi. Bonanotte Cì, ‘ste parole nun le dì a nisuno, tiettele pe’ te.

Lettera firmata