Il Coisp, quelli delle manifestazioni di solidarietà agli assassini (condannati e quindi riconosciuti colpevoli…) di Aldrovandi, parlano di inaudita violenza per una macchina danneggiata e 5 poliziotti “feriti leggermente”. Si vede che per loro una vita umana vale meno di una Fiat Punto (manco una Ferrari…) e che picchiare fino a spaccare i manganelli e uccidere non è invece “inaudita violenza” ma ordinaria amministrazione. Punti di vista…

polizia-camionCinque agenti della Polizia di Stato sono rimasti feriti lievemente a seguito del lancio di pietre, e bombe carta mentre una Fiat Punto della Polizia è stata incendiata a causa di un petardo, andando totalmente distrutta dalle fiamme. Questo il triste tributo da pagare per una gara calcistica, nello specifico tra le compagini di Napoli e Milan . Immediata la risposta del sindacato di polizia Coisp che attraverso il Segretario Generale Regionale Giuseppe Raimondi  condanna gli atti vandalici e chiede provocatoriamente alle società SSC Napoli e Milan AC di provvedere ai costi per il risarcimento dei danni causati dai supporters.

“In primis esprimo a nome mio e del sindacato che rappresento, la massima solidarietà ai colleghi feriti. Siamo stanchi di essere bersagli di questi pseudo tifosi, che definirei appropriatamente criminali”. – Questo il duro commento del Segretario Generale Regionale del sindacato di polizia Coisp della Campania Giuseppe Raimondi che continua : “Spero che fatti così gravi come quelli accaduti ieri sera a Napoli siano da monito per l’Osservatorio Nazionale sulle manifestazioni sportive e allo stesso tempo che vengano adottati severi provvedimenti contro questi pseudo tifosi sanguinari e indegni, a difesa principalmente di chi quotidianamente sostiene in maniera civile la squadra partenopea. Essere sostenitori di una squadra di calcio non deve e non può essere un alibi per questi delinquenti che,  definendosi tifosi, devastano le nostre città provocando incidenti a raffica e talvolta feriti tra le forze dell’ordine . Condanniamo in maniera netta e vigorosa gli indegni atteggiamenti e comportamenti di questi pseudo tifosi di calcio che si sono resi, per l’ennesima volta, protagonisti di scempi e vili aggressioni. Come da copione sono sempre gli operatori di Polizia a pagarne sulla propria pelle gli eventi tristi di una gara sportiva che ci si ostina a definire di calcio. Ricordiamo il nostro collega Filippo Raciti barbaramente ucciso in occasione di una gara calcistica . Non siamo disposti aspettare un’altra tragedia, siamo stanchi di assistere a questi fenomeni di violenza contro le forze dell’ordine . Ciò che è ben chiaro – continua il leader campano  –  è che delinquenti vestiti da ultras fanno quello che voglionodistruggendo tutto ciò che incontrano, provocano sopratutto feriti tra le forze dell’ordine . Ai  nostri colleghi feriti auguriamo una buona guarigione auspicando che questa situazione incredibile sia condannata anche dalla società SSC Napoli . In questo periodo di tagli,  che condiziona in modo devastante il Comparto Sicurezza , sarebbe opportuno,  a nostro avviso,  far pagare alle società tutti i danni causati dai propri tifosi sia alle forze dell’ordine che alla città . La Polizia di Stato – termina il sindacalista del Coisp – è al servizio dei cittadini non delle società calcistiche che per ogni gara sportiva richiedono un cospicuo impiego di mezzi e uomini delle Forze dell’ordine a spese dei contribuenti “.

[Fonte: Sfogliando]