Si parla di tifosi del Centro Coordinamento, non di ultras, ma è pur sempre un bel gesto.

Durante il periodo di lockdown, una forte pioggia aveva staccato e danneggiato alcuni striscioni di Club di tifosi mantovani che gli stessi erano soliti lasciare appesi all’interno del “Martelli”. Gli addetti della società virgiliana, d’impulso decisero di buttarli via senza nemmeno consultare i legittimi proprietari. L’accaduto diede ovviamente adito alle polemiche dei vari Club afferenti il Coordinamento, parte lesa in tutto ciò.

Per distendere gli animi, la società si propose di finanziare i costi di rifacimento degli striscioni. Quasi una frase fatta, stereotipo di una cortesia formale ma di facciata. Invece, per una volta tanto, una società ha mantenuto la parola data ai tifosi, realizzando a proprie spese la riproduzione degli stessi striscioni incautamente gettati via. Quegli stessi striscioni che per i tifosi, oltre al valore economico, hanno spesso un grosso valore affettivo. E che la società ha inteso rispettare con questo risarcimento appunto morale prima ancora che materiale.

(Photo credit: https://www.facebook.com/Centro-di-Coordinamento-Mantova-Club-246511378804927)