Dopo aver vinto le finali nazionali degli spareggi di Eccellenza ed essere approdato nuovamente in serie D, il Martina si ritrova quest’oggi a dover affrontare il Brindisi allo stadio Tursi, per la quinta giornata di andata del girone H della quarta serie nazionale. Il pubblico presente sugli spalti non deluderà le aspettative iniziali, grazie soprattutto ad una domenica soleggiata quasi estiva che invoglierà la gente ad accorrere allo stadio.

Da Brindisi saranno circa 250 gli ultras a giungere a Martina, che prenderanno posto nella parte centrale del settore creando un bel colpo d’occhio, posizionandosi in maniera compatta alle spalle delle pezze della Curva Sud.

Ad inizio partita sventolio di bandiere e qualche torcia accesa colorerà il settore durante l’ingresso in campo delle squadre. Sul terreno di gioco gli ospiti ripagheranno il sostegno dei propri tifosi con una prova maiuscola, passando addirittura in doppio vantaggio nei primi 15 minuti di gioco, galvanizzando gli animi dei propri sostenitori che, sugli spalti, regaleranno una prestazione non indifferente. L’uso del tamburo riuscirà a coordinare bene ogni singolo battimani che, nel complesso, creeranno sempre un efficace impatto visivo, tale da coinvolgere ogni volta per intero tutto il blocco degli ultras.

Dall’altra parte invece la curva di casa, dove di solito prende posto il tifo martinese più caldo, garantirà una bella presenza nel blocco centrale, sistemata dietro gli striscioni di Curva Nord e Estremo Sostegno. Buono il tifo durante tutto l’arco della gara con qualche bandiera sempre in movimento, con battimani e cori secchi a farla da padrone, nonostante le reti di svantaggio. Un ambiente ancora piuttosto caricato dall’importante promozione conseguita la passata stagione, con la speranza che quest’anno la squadra in campo possa ripagare il proprio pubblico con una tranquilla salvezza, dopo le sofferenze e i fallimenti degli ultimi anni.