Prezzi alle stelle per i voli interni tra le città che ospiteranno le partite della prossima coppa del mondo: tra Rio e San Paolo si rischia di dover pagare 870 dollari. Costo triplicato anche dagli altri Paesi dell’America latina: da Buenos Aires a Rio viaggio a 1900 dollari
di ELISA GERARDIS

brasile_murales_maracanaROMA – ‘World Cup’, quanto mi costi. I tifosi dei Mondiali di calcio 2014 che dovranno spostarsi con voli interni in America latina potrebbero dover mettere in conto di spendere più di 1900 dollari soltanto per un biglietto aereo tra Buenos Aires e San Paolo o Rio de Janeiro. Tra i primi a scoprire l’aumento dei prezzi, pari al 300% del costo di un posto in aereo acquistato in questi giorni, sono stati proprio i 266 mila argentini iscritti alla lotteria del sito ufficiale della Fifa, che aveva messo in palio alcuni biglietti per gli incontri sportivi.

Per i fortunati vincitori, scrive il sito del quotidiano argentino Clarin, l’ostacolo più grande è costituito dallo smisurato costo degli spostamenti aerei. Per un biglietto di andata e ritorno, con partenza dagli aeroporti di Aeroparque o Ezeiza ed arrivo nella capitale brasiliana tra l’11 giugno e il 15 luglio, si può arrivare a pagare da un minimo di 1900 dollari in su, lo stesso prezzo pagato per partire da Buenos Aires con destinazione Pechino. Una cifra triplicata rispetto alle attuali, se si pensa che per la stessa tratta percorsa a dicembre 2013 si spende in media 780 dollari.

Anche spostarsi da Rio a San Paolo è per nulla economico: durante tutto il periodo della World Cup attraversare in volo i 400 km che separano le due città, fino a qualche giorno fa, poteva arrivare a costare 870 dollari. La denuncia mediatica che ne è seguita, e che ha visto gran parte della stampa brasiliana mobilitarsi per chiedere un abbassamento dei prezzi, sembra stia avendo degli effetti: proprio ieri le più grandi compagnie aeree del Brasile hanno riprogrammato le loro tariffe, tagliando il costo del biglietto a 550 dollari.

Anche il governo di Dilma Rousseff sta seguendo il caso da vicino. Insieme ad Embratur, l’agenzia del Ministero del Turismo brasiliano, ha chiesto spiegazioni alle compagnie aeree sugli smisurati aumenti, anche in vista del sorteggio della Fifa del prossimo 6 dicembre.

[Fonte: La Repubblica]