Montescaglioso è un piccolo paesino di poco più di 9 mila anime a 40 km da Matera, prossimo alla Puglia e vicino alla Calabria. In questa terra di confine negli anni, il gruppo ultras degli “Ultrashock” è riuscito a ritagliarsi nel variegato movimento ultras Lucano un suo spazio di tutto rispetto.

Venendo al campo di gioco, il match odierno è fondamentale per consolidare la propria posizione in classifica, importante ai fini degli spareggi play off. I padroni di casa partono dunque forte e mettono in cassaforte il risultato in breve tempo, infatti dopo poco più di trenta minuti sono già avanti di tre reti.

Sugli spalti gli spettatori non sono molto numerosi, almeno se rapportati alla media stagionale, dove più fitta era la partecipazione del pubblico, ma lo zoccolo duro del tifo organizzato è come sempre al suo posto, presentandosi compatto e combattivo al fianco della squadra per sospingerla in questa sfida. Aiutati dal suono incessante del tamburo, il loro tifo risulta costante per tutta la partita, accompagnato visivamente dai soliti bandieroni del gruppo oltre che da costanti battimani.

Al triplice fischio finale, il tabellino racconta di un pesante 6-0 per il quale la squadra ringrazia i tifosi che l’hanno corroborata in questa impresa. Risultato ancora più importante alla luce del pareggio del Melfi, che consente al Montescaglioso di superarlo e portarsi al terzo posto.

In ultimo ma non in ordine di importanza, da segnalare la presenza di sette ultras del Moliterno, encomiabili per il supporto fornito nonostante il numero, il mortificante passivo in campo e la tutt’altro che esaltante stagione della propria compagine, irrimediabilmente penultima da tempo e condannata ai playout, ultima chiamata utile per salvare la categoria. 

Foto di Liborio Martino
Testo a cura della redazione