Ultrà del San Marino Calcio prende a maleparole e colpisce gendarmi che fanno il servizio d’ordine durante una partita contro il Poggibonsi, il caso finisce in tribunale. Il fatto risale al 18 marzo del 2012. In quell’occasione G. G. si trovava allo stadio. Secondo quanto da lui riferito, a fare scattare la sua reazione il fatto che all’ingresso i gendarmi abbiano controllato un suo parente e, in particolare, il suo nipotino chiedendogli di mostrare cosa avesse in tasca, come da prassi. (…) Ieri mattina il processo per questo episodio. In aula, davanti al giudice Alberto Buriani, sono stati ricostruiti i fatti alla presenza del procuratore del fisco, Roberto Cesarini, e dell’avvocato difensore Rossano Fabbri.

[Fonte: Libertas.sm]