La compagine del Gladiator che ha  sede nella città di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, e che deve il proprio nome alla Scuola dei gladiatori che in epoca romana aveva sede nell’Anfiteatro dell’antica Capua ospita la Nocerina per la decima giornata del girone H di Serie D. Decisamente una bella giornata di sport sotto tutti i punti di vista, tanto che a margine della gara, la società della Nocerina ringrazierà pubblicamente con un comunicato dirigenti, staff e calciatori locali per la splendida accoglienza ricevuta al “Mario Piccirillo”.

Oltre che in campo, anche sugli spalti la gara si è disputata in un clima di rispetto reciproco, peccato solamente per la giornata uggiosa anche se, fortunatamente, la pioggia è rimasta solo una minaccia ed ha permesso al tifo di padroni di casa e ospiti di esprimersi al meglio.

All’ingresso in campo dei ventidue giocatori, buona l’accoglienza canora da ambo le parti, così come suggestivi sono i tanti battimani: i nocerini, in particolare, si fanno sentire con tanti cori a ripetere a sostegno della città.

Ad occhio il pubblico presente si aggira intorno alle 600 unità. I due settori appaiono sicuramente interessanti in quanto a colpo d’occhio: in un settore ospiti dove la visuale è scadente, i nocerini si dimostrano comunque in grande spolvero, continuando a cantare su altissimi livelli; buona anche la prova del settore di casa, capace di sfoderare buone manate mentre alcune bandiere offrono buon colore fino al termine della gara.

Allo scadere arriva il goal di Liurni che fa esplodere il settore rossonero e chiude la contesa sullo 0-1 in favore della Nocerina. Da sottolineare, a margine, uno striscione esposto per il ritorno di un ragazzo nocerino da una diffida.

Foto di Antonio D’Acunzi
Reporter Uff. Nocerina 1910